Notizie

Ghana – I Salesiani al lavoro per la promozione sociale delle giovani donne vittime di tratta

Continua

India – Salesiano indiano a capo dell’Ufficio di Comunicazione Sociale dei Vescovi dell’Asia

Continua

Spagna – Ricordando don Antonio César Fernández: “Se nella sua vita è stato un grande apostolo, nella sua morte lo è stato ancora di più”

Continua

RMG – Visita del Rettor Maggiore nell’Ispettoria dell’Italia Nord-Est


14 marzo 2019 23:00 | Por admin
RMG – Visita del Rettor Maggiore nell’Ispettoria dell’Italia Nord-Est

(ANS – Roma) – “Don Ángel, ti aspettiamo!”: è il grido gioioso del Movimento Giovanile Salesiano del Triveneto, che attende il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, domenica prossima, 17 marzo, a Jesolo, nell’ambito della tradizionale “Festa Ragazzi”. Il X Successore di Don Bosco parteciperà alla grande festa, che ogni anno raduna migliaia di partecipanti da tutte le opere della Famiglia Salesiana della zona, e visiterà anche altre opere e realtà salesiane dell’Ispettoria salesiana dell’Italia Nord-Est.

Accompagnato dal suo Segretario, don Horacio López, il Rettor Maggiore parte per Venezia-Mestre nella serata di oggi, venerdì 15.

Sabato mattina presiederà l’assemblea con tutti i suoi confratelli dell’Ispettoria, mentre nel pomeriggio si recherà a Schio, dove visiterà la casa salesiana e conoscerà i giovani che la frequentano. In serata, di ritorno a Mestre, offrirà la “Buona notte” salesiana agli animatori ai partecipanti alla Festa Ragazzi.

Al mattino di domenica il Rettor Maggiore assisterà allo spettacolo centrale della Festa Ragazzi, sul tema “Scegli tu dove guardare”, e poi presiederà l’Eucaristia per tutti i presenti. Nel prosieguo della giornata si trasferirà a Padova per incontrare i membri della Famiglia Salesiana e visitare la comunità locale delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

Nell’ultima giornata di visita, infine, Don Á.F. Artime si radunerà con il Consiglio ispettoriale e successivamente, a Mogliano Veneto, con i laici che hanno ruoli di responsabilità nelle case dell’Ispettoria e con i giovani in ricerca vocazionale accolti nella cosiddetta “Comunità Proposta”.